Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..

La Milano del futuro - 29/09/2017

X
leggi info
Da qui al 2030 a Milano si prevedono interventi su 15 milioni di metri quadrati di aree, con investimenti per 20 miliardi. Nuove zone da realizzare e trasformazioni dell’esistente: dagli scali ferroviari a Città Studi, dal piano “Fare Milano” (che prevede interventi di riqualificazione di case popolari in alcune periferie) al completamento di nuovi quartieri come City Life, Santa Giulia e la nuova zona residenziale di Cascina Merlata.
Marco Dettori, presidente di Assimpredil Ance, parlando all’assemblea generale dei costruttori, sintetizza quelle che sono le condizioni di base irrinunciabili per fare in modo che questo sia effettivamente il futuro che attende la nostra città: meno burocrazia, incentivi fiscali stabilizzati, una revisione delle strategie del sistema bancario per migliorare l’accesso al credito, attenzione alle norme sulla sicurezza in cantiere.

Su questi punti si deve basare una nuova “alleanza” tra imprese e istituzioni.