Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piú o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie..

Beni Stabili, Siiq, Varde e Borio Mangiarotti in cordata - 04/08/2015

X
leggi info
Roma, 4 agosto 2015 – Si è conclusa oggi la prima operazione strutturata di dismissione di immobili pubblici promossa dal Gruppo CDP. E’ stato firmato dalla cordata costituita da Beni Stabili Siiq, dal fondo americano Varde e da Borio Mangiarotti il contratto per la cessione di sei immobili situati nel Comune di Milano venduti dalle controllate CDP Immobiliare e CDPI SGR.
Il prezzo della cessione è pari a 125,5 milioni di euro.
Il portafoglio oggetto di dismissione comprende:
- il complesso direzionale di via Principe Amedeo e l’edificio A di Palazzo Litta di proprietà di CDP Immobiliare;
- l’edificio in Corso Italia, l’area di via Silva, gli edifici di Viale Montello e via Canonica di proprietà del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV), gestito da CDPI SGR.

Il processo di cessione - nel quale le società venditrici sono state assistite per gli aspetti di natura legale dallo studio Chiomenti, e per gli aspetti immobiliari e la gestione della procedura da CBRE, le società acquirenti invece da DLA Piper- è stato strutturato secondo le best practice utilizzate per operazioni analoghe, ed ha coinvolto investitori internazionali e nazionali di elevato standing.

Nella foto da sinistra Paolo Bellacosa (CBRE),Francesco De Blasio (DLA Piper),Luca Malighetti (Varde), Edoardo e Regina De Albertis ( Borio Mangiarotti), Giovanni Paviera ( CDP immobiliare), Stefano Vittori e Marco Bignami (Beni Stabili Siiq),Giovanni D'Onoforio (CDPI Sgr), Cristiana Procopio (CDP Immobiliare), Luca Ruffino (CDP Immobiliare)